giovedì 25 ottobre 2012

Alvignano. Si sono svolti i funerali del 71enne Giuseppe Sampogna, deceduto sull'A1 mentre tornava da Roma dopo aver assistito alla trasmissione "C'è post@ per te" di Maria De Filippi/LA FOTOSEQUENZA

L'uomo, 71 anni, è stato travolto all'altezza dell'autogrill "La Macchia", da un'auto in corsa. Inutili i soccorsi, è morto lunedì sera sul colpo...
Si sono svolti ieri pomeriggio i funerali del signor Giuseppe Sampogna residente ad Alvignano, località Marcianofreddo, falciato sull'autostrada  lunedì sera in provincia di Frosinone, nei pressi dell'autogrill La Macchia. L'uomo stava facendo ritorno da Roma in pullman dopo una gita e dopo la partecipazione alla trasmissione di Maria De Filippi "C'è posta per te". La funzione è stata celebrata da Mons. Giulio Farina, parroco di Piana di Monte Verna che da decenni si occupa anche della piccola Comunità ubicata ai confini tra Alvignano e Caiazzo. Erano presenti i rappresentanti dell'Amministrazione Comunale con in testa il primo cittadino di Alvignano Angelo Di Costanzo. Don Giulio nel corso dell'omelia ha rimarcato le qualità di cittadino esemplare, mite e laborioso qual era il 71enne Sampogna. Tuttavia sulla sua morte, ritenuta fatale quanto assurda, molti non sanno darsi pace. Il signor Giuseppe Sampogna, insieme ai compagni di viaggio si era fermato per una sosta nell'area di servizio.
Poi, forse perdendo il senso dell'orientamento, invece di avvicinarsi al piazzale dove erano parcheggiati gli autobus, si e' diretto verso le corsie dell'autostrada dove ha trovato la morte, causata da una Lancia Lybra condotta da un 50enne di Velletri, il quale si fermava laddove gli era possibile, per attivare i soccorsi, ma subito dopo il corpo esamine di Sampogna veniva travolto da altri mezzi in transito. Inutile ogni soccorso. L'esatta dinamica dell'investimento e' stata poi chiarita dagli agenti della Polizia stradale di Frosinone, intervenuti sul posto unitamente ad un'ambulanza ed i Vigili del Fuoco. Sampogna lascia la moglie Margherita Villano e tre figli Marco, Giovanni e Antonietta.
http://picasion.com/

0 commenti: