sabato 6 febbraio 2016

SAN GREGORIO MATESE/CASTELLO DEL MATESE. SI AGGIRAVANO PER I BOSCHI DELLA ZONA SPACCIANDOSI PER POLIZIOTTI. IL PREFETTO INTERVIENE E METTE FUORILEGGE ANPANA/OEPA

“Indebito utilizzo della definizione POLIZIA, inammissibili i modelli delle divise e dei segni distintivi per manifesta ricercata somiglianza a quelli delle forze di Polizia o delle Polizie Locali – esclusione di qualsiasi competenza sul patrimonio zootecnico” e ancora incompetenza dei Comuni ad attribuire qualifiche di PG ai Volontari...
La Prefettura di Caserta con ordinanza dell’primo febbraio ultimo scorso ha imposto a tutti i comuni che avessero sottoscritto qualsiasi atto con l' Associazione ANPANA - OEPA, di provvedere immediatamente alle revoca di ogni e qualsiasi atto stipulato con la stessa. Insomma la Prefettura ci è andata giù duro. Ha voluto punire, lanciando un chiaro messaggio, le associazioni di volontariato che in modo del tutto arbitrario fanno utilizzo di divise, palette, simboli etc. etc. etc., troppo simili a quelle delle Forze di Polizia, nonchè l’utilizzo di gradi militari. In effetti, guardando le fotografie dell’Anpana Oepa la confusione che si può ingenerare nel cittadino medio ha motivo di essere fondata. Il messaggio è chiarissimo e mira ad annullare tutte quelle organizzazioni “para poliziesche” che in realtà sono organizzazioni di volontariato e tentano strenuamente di confondersi o assomigliare alla Polizia. Da fonti attendibili vicine alla Prefettura si apprende che la situazione sia venuta fuori nella zona del Matese dove qualcuno si è insospettito dell’indebito utilizzo del nome Polizia. Oltretutto, il responsabile del rifugio "Mascherina" di Piedimonte Matese, Pierangelo Fontana segnala che l'Associazione avrebbe stipulato dei contratti di collaborazione e/o consulenze con alcuni Municipi ed Enti dell'area matesina che, appunto, stante quanto stabilito dall'Ufficio Territoriale del Governo sono da ritenersi illegittimi. Staremo a vedere nei prossimi giorni...

PIEDIMONTE MATESE. GIUNGE PUNTUALE COME OGNI ANNO L'ORDINANZA CONTRO LA VENDITA DI SPRAY E BOMBOLETTE MALEODORANTI

Il provvedimento infatti vieta agli esercenti della città la vendita di bombolette spray imbrattanti (ad eccezione di quelle che spruzzano stelle filanti o coriandoli), fialette maleodoranti, scherzi carnevaleschi a base di inchiostro, e ogni materiale che non riporti il marchio di omologazione CE...
Carnevale sicuro anche quest’anno nella città di Piedimonte Matese. Il sindaco Vincenzo Cappello ha emanato un’apposita ordinanza che punta a garantire sicurezza e decoro durante i giorni di festa. Il provvedimento infatti vieta agli esercenti della città la vendita di bombolette spray imbrattanti (ad eccezione di quelle che spruzzano stelle filanti o coriandoli), fialette maleodoranti, scherzi carnevaleschi a base di inchiostro, e ogni materiale che non riporti il marchio di omologazione CE attestante la conformità ai requisiti previsti dalle Direttive Comunitarie in materia di sicurezza, sanità pubblica e tutela del consumatore. Bombolette e altri scherzi possono infatti essere causa di danni anche irreversibili, a cose appartenenti al patrimonio architettonico della città, o anche a persone, poiché spesso tali materiali vengono adoperati con leggerezza in luoghi affollati, dando origine ad offese fisiche di qualsiasi entità. L’ordinanza sindacale vieta al contempo il lancio di uova marce e di buste contenenti liquidi o altro materiale che possa arrecare danno a persone. Previste pene per i trasgressori, che saranno puniti con il sequestro dei prodotti e con una sanzione pecuniaria, da un minimo di 25 euro a un massimo di 500 euro. Gli eventuali danni cagionati da minori verranno risarciti dai genitori.

GIOIA SANNITICA. VICENDA “PARCO RESIDENZIALE CASSELLA” IL TRIBUNALE HA PIGNORATO LA SOCIETÀ SUBENTRATA A MARIO CASSELLA. IL COMUNE DEVE AVERE ANCORA 5MILA EURO DI TASSE.

La Giunta ha esteso l’incarico all'avvocato Tonia Leone affinchè si attivi per salvaguardare gli interessi dell’Ente… 
La vicenda del “Parco Residenziale Cassella” e di la dal risolversi, atteso che è intervenuta adesso anche la Sezione fallimentare del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere. Ma andiamo con ordine. Il 29 marzo di 17 anni fa (1999) veniva sottoscritta con convenzione con il Sig. Mario Cassella di Gioia Sannitica un atto per la lottizzazione di un’area denominata “Parco Residenziale Cassella” e che detti lavori ebbero inizio il 23 ottobre dello stesso anno. Nella Convenzione era stabilito un tempo massimo per il completamento delle opere di urbanizzazione primaria in anni cinque e comunque non superiore ad anni dieci e che, dalla comunicazione di inizio dei lavori sono trascorsi, ad oggi, ormai quindici anni senza che le opere siano state completate nella loro interezza. Al momento del rilascio di Concessione Edilizia, veniva richiesto al titolare il versamento degli oneri di urbanizzazione e costruzione per complessivi 23.186,38 euro e che risulta ancora non effettuato il versamento dell’ultima rata pari a 5.220,95 euro. Intanto il 27 aprile del 2007 venne richiesto da parte del predetto Cassella, la voltura della Concessione Edilizia in favore della Gemma Immobiliare s.r.l. con sede legale in Caserta alla Via Tanucci 73, allegando alla stessa atto di trasferimento dei beni. Successivamente, il due gennaio dell’anno scorso (2015) il Responsabile dell’ Area Tecnica invitava la Società GEMMA Immobiliare, il Sig. Cassella Mario e la Società Milton Brothers ltd – Fideiussioni e cauzioni (in qualità di costituente atto di Fideiussione n. 99012080) ad eseguire i lavori di completamento delle opere di urbanizzazione primaria nell’ambito dell’area di lottizzazione. Sennonché le raccomandate con ricevuta di ritorno inviate alla GEMMA Immobiliare ed alla Milton Brothers ltd sono tornate al mittente risultanti trasferito il primo e sconosciuto il secondo. Intanto, la sorpresa. Infatti l’11 febbraio del 2015 pervenne richiesta di documentazione da parte dell’Arch. Fernanda Chianese, CTU del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere – Ufficio Esecuzioni Immobiliari, relativo ad un pignoramento per le unità immobiliari in corso di costruzione da parte della Gemma Immobiliare, portando quindi l’ente a conoscenza della intervenuta attivazione di una procedura fallimentare/esecutiva nei confronti della stessa società, la quale, per altro non ha provveduto al pagamento dell’ultima rata degli oneri, né ha completato le opere di urbanizzazione primaria e secondaria di cui alla Convenzione di Lottizzazione. Il 10 giugno successivo il Responsabile della Area Tecnica ha richiesto l’ avvio di una procedura legale per conseguire quanto previsto in favore del Comune di Gioia Sannitica dalla richiamata convenzione di lottizzazione e dalla Concessione Edilizia conferendo ad ottobre incarico legale all’ Avv. Tonia Leone perché tuteli il Comune di Gioia Sannitica nei confronti del Sig. Cassella Mario, della Società GEMMA Immobiliare e la Società Milton Brothers ltd, per il recupero del credito per oneri di urbanizzazione e costruzione dell’importo residuale per 5.220,95 euro nella procedura fallimentare/esecutiva pendente innanzi il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere. L’avvocato Tonia Leone, nel fornire all’ente degli aggiornati chiarimenti sulla intera vicenda, ha specificato “che occorre intervenire ai sensi dell’art. 499 c.p.c. nella procedura esecutiva immobiliare pendente innanzi il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere nei confronti della società Gemma Immobiliare s.r.l., seppur in mancanza di un titolo esecutivo” , per conseguire i crediti vantati dall’ente da parte della predetta società. Il Comune di Gioia Sannitica ha quindi ritenuto conferire l’incarico legale all’ Avv. Tonia Leone, in estensione del mandato già attribuito con il richiamato proprio precedente provvedimento del primo ottobre dello scorso anno, perché presenti ricorso per intervento ex art. 499 c.p.c. nella procedura esecutiva immobiliare pendente innanzi il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere R.G. 793/2013 nei confronti della società Gemma Immobiliare s.r.l. per conseguire i crediti vantati dall’ente e quant’altro nei confronti della predetta società, derivanti dalla originaria convenzione sottoscritta con il Sig. Cassella Mario e volturata alla Gemma Immobiliare s.r.l.

PIEDIMONTE MATESE. “TU E IL TUO CANE DI M…A SIETE DUE PRODUTTORI DI STR…I!” UN RESIDENTE NON LE MANDA A DIRE AL PROPRIETARIO DI UN CANE CHE LASCIA ESCREMENTI IN VIA LUPOLI.

Lite furibonda che solo grazie al tempestivo intervento di due commercianti non è sfociata in rissa tra due cittadini matesini. Ma il problema degli escrementi sui marciapiedi c’è e andrebbe debellato… 
E’ vero che nella vita sono ben altri i problemi, ma è pur vero che in alcuni tratti di Piedimonte Matese, passeggiare sui marciapiedi sta diventando alquanto problematico. Non basta che alcuni di essi sono ridotti male e rappresentano anche un pericolo per la pubblica incolumità, ma in via Lupoli, ad esempio, in alcuni tratti la sera soprattutto, sono pieni di escrementi di cane. Ne sa qualcosa il signor Guglielmo F. 50enne del posto che nel giro di una settimana, è incappato non una ma ben sette volte su di un marciapiede tempestato di deiezioni canine. In un caso però non è riuscito a evitare l’agguato e si è inalberato moltissimo. Allora armato di pazienza e facendo due conti con gli orari pressappoco gli stessi che passeggia in quella zona, l’altra sera intorno alle 18,00 si è “appostato” per capire chi fosse l’incivile proprietario del cane che non raccoglie i bisogni del suo fido ed ha atteso con pazienza certosina. E la sua volontà è stata premiata, poiché intorno alle 17,30 circa, un professionista residente proprio nella zona centrale del capoluogo matesino, si accompagnava con il suo cane di grossa taglia, il quale durante l’ora d’aria, presumibilmente espleta appunto i suoi preminenti bisogni. E proprio all’altezza dove Guglielmo aveva avuto la disavventura di calpestare una secchiata di m…a, il cane ne espleta un’altra. Il proprietario la raccoglierà? Si sarà chiesto Guglielmo tra se e se. Maddechè! Come nulla fosse, il pomposo professionista faceva spallucce, dava una carezza al suo cane e proseguiva la “marcia” verso altre possibili defecazioni della sua incolpevole bestiola (bestione). A quel punto il 50enne Guglielmo interveniva ed iniziava ad inveire contro il padrone del cane, facendogli notare che non solo era un incivile, ma così facendo metteva a repentaglio anche il buon decoro della città, visto che lui è stato protagonista incolpevole di aver pestato escrementi del suo cane. Ovviamente il professionista in questione, convinto che poteva fare il padrone anche fuori dalla sua abitazione, rispondeva per le rime e nasceva una forte discussione tra le parti in causa, tanto che se non intervenivano due commercianti, attratti dalle urla, la questione era oramai sfociata in rissa. Alla fine il povero Guglielmo, che più che altro si aspettava delle scuse, si rivolgeva con un epiteto condivisibile in parte, ovvero proferendo al padrone: “Tu è il tuo cane di m….a siete due produttori certificati di str…i!” E qui sicuramente è incolpevole il cane, perché se uno in tutta questa vicenda è lo str…o è proprio il proprietario del cane incolpevole come abbiamo già sottolineato in precedenza. Non da meno, giova ricordare che qualche annetto fa, il Comune ha fatto apporre dei cartelli in giro per la città, ricordando che i proprietari dei cani, qualora questi ultimi durante la passeggiata espletino i loro bisogni, hanno l’obbligo di raccogliere le deiezioni. Nella fattispecie, a dire il vero, una palettina e una bustina farebbero ben poco, vista la mole del cane, ma in ogni caso l’obbligo c’è.

PROVINCIA. SOS AL GOVERNO:"SUBITO IL PROVVEDIMENTO CHE CI ESONERA DAL VERSARE IL CONTRIBUTO ALLO STATO!"

In settimana una delegazione dell'Ente si è recata al Ministero dell'Interno dove sono state fornite rassicurazioni: "Anche quest'anno per gli Enti in dissesto nessun versamento nelle casse dello Stato". E subito dopo potrebbe essere nominata la triade che dovrà gestire la massa debitoria passiva...
Il consiglio provinciale di Caserta ha dato il via libera alla dichiarazione di dissesto a fine dicembre con la considerazione di bloccare la massa passiva e dar vita a un nuovo corso finanziario dell’Ente di corso Trieste con il bilancio stabilmente riequilibrato con il quale i tecnici della Provincia sono alle prese da più di un mese. La premessa iniziale di poter arrivare a far quadrare i conti e chiudere il bilancio è essenzialmente una: non dover devolvere allo Stato la quota di contributo prevista per quest’anno che per Caserta ammonta a 64 milioni di euro.Tale premessa è stata messa in conto dal presidente Angelo Di Costanzo osservando cosa è accaduto lo scorso anno per le Province che hanno dichiarato il dissesto, le quali alla fine non sono state chiamate a riversare il sopra menzionato contributo. Un punto essenziale, quest’ultimo, perché se tale circostanza non dovesse essere confermata anche per quest’anno, allora la Provincia si troverebbe nella situazione di non riuscire a predisporre neppure il bilancio stabilmente riequilibrato e di conseguenza il rischio è quello dello scioglimento. Per definire questo punto, mercoledì scorso, una delegazione tra consiglieri provinciali e tecnici finanziari dell’Ente ha avuto un incontro a Roma, presso il ministero dell’Interno. Nel corso del confronto la delegazione casertana ha rappresentato la difficoltà a predisporre il primo bilancio dopo il dissesto. Le rassicurazioni avute, a parole, da Roma sono state che presto dovrebbe esserci un provvedimento normativo che esonererebbe le Province in dissesto dal versare il contributo allo Stato e nelle more di tale provvedimento dovrebbe essere tardata (la nomina dovrebbe esserci a marzo) anche l’indicazione della triade commissariale che dovrà gestire la massa passiva perché dall'insediamento di quest’ultima scattano i novanta giorni entro i quali predisporre il bilancio stabilmente riequilibrato. Intanto, per giovedì e venerdì della prossima settimana, in prima e seconda convocazione, è stato fissato il consiglio provinciale con all’ordine del giorno il piano operativo di razionalizzazione delle società e delle partecipazioni. Un punto che sarà quasi certamente rinviato perché un’intesa politica ancora non è stata raggiunta, fermo restando che le intenzioni sarebbero quelle di procedere verso i tagli a tale partecipazioni oltre che valutare il riassetto anche delle società Terra di Lavoro spa e Gisec spa che, invece, dovrebbero rimanere in piedi. Gli argomenti in discussione sono il regolamento del consiglio provinciale, dell’Assemblea dei sindaci e delle commissioni consiliari; la definizione dei criteri generali per la revisione della macrostruttura organizzativa dell’Ente e per il nuovo regolamento sull'ordinamento degli Uffici e dei Servizi; gli adempimenti relativamente a imposte e tasse locali; l’istituzione di aliquote e tariffe di base nella misura massima consentita; l’istituzione della Stazione unica appaltante di Caserta con l’approvazione dello schema di convenzione con i comuni aderenti; il rinnovo del consiglio di amministrazione del convitto nazionale Nifo di Sessa Aurunca, con la designazione del delegato della Provincia di Caserta e l’acquisizione al demanio provinciale della strada di nuova costruzione e di collegamento tra la strada provinciale Galatina e la ex strada statale numero 264 del Basso Volturno.

CAIANELLO-VAIRANO PATENORA-PIETRAVAIRANO-BAIA E LATINA-DRAGONI-ALVIGNANO-GIOIA SANNITICA-ALTO CASERTANO. LE SPOGLIE DI PADRE PIO POTREBBERO BACIARE L'ALTO CASERTANO

L'11 Febbraio la teca del Santo, tra i più amati in Italia, partirà da Roma e potrebbe percorrere la Strada Statale Telesina passando quindi per Caianello, Vairano Patenora, Pietravairano, Baia E Latina, Dragoni, Alvignano e Gioia Sannitica per raggiungere Pietrelcina.... 
 Il percorso ufficiale per il momento non è dato sapere visto che per il trasporto della teca saranno messe in campo misure del tutto simili a quelle previste per i capi di Stato con tanto di no fly zone, anche se tutti i navigatori indicano la superstrada Caianello-Benevento il percorso più corto e con minor tempo per raggiungere il paese natale del santo con le stimmate. Dall'altro canto ciò che potrebbe far evitare la percorrenza dell'importante asse stradale optando per un altro percorso sarebbe lo stato "pietoso" del manto stradale in alcuni tratti che ormai come consuetudine non riceve una manutenzione corretta e costante. Staremo a vedere e sicuramente se ciò avvenisse potrebbe rappresentare un grande messaggio di speranza per tutto l'Alto Casertano e la provincia di Caserta. San Pio sarà esposto per tre giorni nella sua città natale e a tal proposito è molto toccante il discorso che fece con un suo confratello quando gli domandò “Padre, quando ci faremo una bella passeggiata a Pietrelcina?”, e lui rispose: “Parecchi anni dopo la mia morte”. Per la prima volta da quando arrivò nel 1916, il Santo lascia il Gargano in occasione dell'Anno Santo. Lo ha voluto papa Francesco per proporlo come esempio ai "missionari della misericordia". Giuseppe Di Lorenzo

VAIRANO PATENORA. LO STAFF DI VERTICE DELL'ASSOCIAZIONE "MTB & TREKKING VOLTURNO" PROSEGUE LA RIQUALIFICAZIONE DEI SENTIERI DI MONTE CAIEVOLA

Come ogni anno il sodalizio si occupa di provvedere alla pulizia e manutenzione dei sentieri e delle vie di accesso al cuore pulsante del monte, troppo spesso oggetto di sfregio...
Curate e coordinate dallo staff di vertice dell’Associazione “MtB & Trekking Volturno”, di Vairano Patenora, continuano le operazioni di pulizia e riqualificazione funzionale dei sentieri e delle aree di richiamo turistico di Monte Caievola, il cui massiccio, pur estendendosi su diversi Comuni della parte alta del comprensorio di Terra di Lavoro, ricade, in massima parte, nei tenimenti dei comuni di Vairano Patenora e Pietravairano. Ogni anno, quello di provvedere alla pulizia e alla manutenzione dei sentieri e delle vie d’accesso al cuore pulsante del Caievola, troppo spesso fatto segno di sfregio da vandali di tutti tipi ed anche di sconsiderato ed esecrabile abbandono di rifiuti vari, dei quali molti di tipo speciale e, quindi molto pericolosi sia per l’integrità della natura che per la salute umana, rappresenta un passaggio imprescindibile nell'articolato programma di visite ed escursioni montane stilato dal ben messo gruppo di amanti di natura incontaminata, aria salubre, contatto continuo con la grande bellezza del creato ed esaltazione della magia fascinosa dei segreti e dell’incanto costituito dalla montagna e da tutto quanto attiene al suo meraviglioso mondo. Una prima tranche dei previsti interventi di pulizia sul Caievola era stata effettuata con l’uscita del 24 gennaio scorso. La seconda conclusiva è in scaletta per il prossimo 14 febbraio. A seguire, il ritorno al consueto calendario escursionistico, che, il 21 febbraio successivo, consentirà ai ragazzi vairanesi di tuffarsi nel meraviglioso scenario delle cosiddette Cascate di Conca della Campania.
Daniele Palazzo

ALVIGNANO/DRAGONI/BAIA E LATINA. TERMINA QUEST'OGGI L'OPEN DAY DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALVIGNANO

Si è svolto, dal 23 al 30 gennaio, con conclusione prevista per il 6 febbraio presso la Primaria di Dragoni nell’ambito della premiazione del concorso indetto dalle Pro-Loco del territorio, l’OPEN DAY dell’I.C. di Alvignano che ha accolto, nei vari plessi, alunni e genitori. Tante le iniziative e le attività messe in campo da docenti e alunni allo scopo di illustrare l’Offerta formativa dei vari ordini di scuola, dall’Infanzia alla Primaria per arrivare alla Secondaria di I grado..... 
 L’Open Day è il momento più caratteristico di tutta l’attività di arricchimento e, per certi aspetti, il momento più espressivo del metodo didattico dell’I.C di Alvignano, nella sua capacità di chiamare i ragazzi ad essere protagonisti della vita della scuola. Tra le tante, quelle riguardanti l’accoglienza riservata ai neo-iscritti sono state le più apprezzate dall’utenza scolastica. Gli intervenuti sono stati coinvolti in giochi, attività laboratoriali artistico-musicali, conversazioni in lingua inglese e francese. A tutti la Dirigente Scolastica, dott.ssa Angela Lanna, ha rivolto parole di benvenuto, illustrando i vari progetti che l’Istituto è in procinto di iniziare e che metterà in atto anche il prossimo anno, dalla certificazione di Lingua Straniera ai Laboratori Teatrali, Ginnici, Musicali con la possibilità di poter spaziare anche in Territorio europeo mediante adesione a scambi culturali con l’estero nell’ambito dell’ERASMUS+ sia per la Scuola Primaria che per la Secondaria di I grado. L’incontro Scuola-Territorio ha incontrato, quindi, l’entusiastico favore degli allievi e delle famiglie che hanno apprezzato notevolmente le attività effettuate, compresa l’accoglienza, da parte dei piccoli dell’Infanzia e della Primaria, a base di performance teatrali e merenda – party. Ma l’Istituto Comprensivo si è distinto, in questa prima parte del 2016, anche per le interessanti iniziative di formazione rivolte a ragazzi e adulti, come il “Corso di Disostruzione delle vie aeree” svolto in collaborazione con l’Associazione “L’Albero della Vita” e tenutosi in due fasi presso la Secondaria di I grado di Alvignano e la Scuola Primaria di Dragoni. Inoltre nei giorni 23 e 27 gennaio è stata commemorata nell’Istituto la Giornata della Memoria, con cineforum e dibattiti coadiuvati da don Pasqualino Rubino, parroco di Alvignano. Nuove iniziative attendono prossimamente l’Istituto a dimostrazione di come, sul Territorio, siano vive e dinamiche realtà scolastiche come quella di Alvignano – Dragoni – Baia Latina che riservano cura e attenzioni molto ragionate per gli alunni che le frequentano.

ALIFE. DOMENICA AL TEATRO CON LA COMMEDIA "NZARIAL KILLER"

Non poteva che essere esilarante lo spettacolo in scena in pieno periodo carnevalesco all’Auditorum IPIA di Alife. Domenica 7 febbraio 2016 alle ore 20.00 l’Associazione Alifana Arteatro nell’ambito della 5° Rassegna Teatrale “TEATRO D’AMATORE” manda in scena lo spettacolo teatrale della Compagnia Movimenti di Scena: “NZIARIAL KILLER” di Peppe Celentano attore, regista e drammaturgo italiano vincitore di numerosi premi legati al teatro e alla regia......
Importante da ricordare è la partecipazione in questo spettacolo dell’attore alifano EMILIO SALVATORE cantante e attore, sia teatrale che televisivo, con un curriculum ed una carriera di tutto rispetto. Volto noto nel panorama teatrale napoletano, ha partecipato anche a fiction televisive come Un Posto al sole, Capri e La Squadra. Pertanto la sua partecipazione allo spettacolo della rassegna teatrale è momento di orgoglio per tutta la comunità alifana appassionata di teatro. Questa commedia è stata definita un noir napoletano per la sua verve macabra e grottesca ma comunque pervasa dalla tipica comicità partenopea. Si tratta di un serial killer che uccide per ‘nziria cioè per capriccio. Un nero d’autore che apre spazi imprevisti ed imprevedibili. Venticinque omicidi, venticinque ‘nzirie, venticinque capricci. Una scia di sangue da mozzare il fiato. Ma non per la paura. Perché il noir napoletano conserva una delle caratteristiche principali della meridionalità: l’arte di non prendersi sul serio. E così la scia di sangue che ‘nziarial killer si lascia alle spalle cresce: dapprima un rivolo, poi un fiume, infine un oceano….di risate!

venerdì 5 febbraio 2016

CAIAZZO. E DOPO LA MENSA SCOPPIA ANCHE LA GRANA DEI MANCATI PAGAMENTI DEGLI STIPENDI AI PARCHEGGIATORI AUTORIZZATI.

Un paradosso tutto “Italiota”. Nel mentre agli abusivi nessuno dice niente, i parcheggiatori autorizzati e padri e madri di famiglia, non ricevono lo stipendio da qualche mese. Caro Comandante Pietro Del Bene, vogliamo fare qualcosa??? 
Un paradosso davvero tutto “Italiota” quello che vede i parcheggiatori abusivi di Caiazzo “incassare” grazie all'obolo “gentilmente” offerto dai pochi valorosi turisti che si avventurano in città, nel mentre i parcheggiatori “originali”, cioè non quelli a “pezzotto” che tampinano automobilisti indisciplinati dalla mattina alla sera, sono all'asciutto. E’ proprio così, almeno stante qualche lamentela a denti stretti di alcuni addetti ai lavori, ovviamente non loro i parcheggiatori, i quali con apprezzabile “abnegazione” soffrono in silenzio. Ed allora, visto che anche in questo caso, purtroppo aggiungiamo noi, centra ancora una volta anche il Comune caiatino e, nella fattispecie il Settore Vigilanza, retto in maniera egregia dal neo ufficiale, Maggiore Pietro Del Bene, l’auspicio è un pronto intervento dei preposti comunali, verso la ditta appaltatrice, affinché ottemperi a quelli che sono i doveri contrattuali, che tra le altre cose, prevede anche il pagamento degli stipendi ai lavoratori. In alternativa la soluzione ci sarebbe: far diventare anche i parcheggiatori ufficiali “abusivi” in maniera tale che si crei una serrata concorrenza. Se almeno la Giustizia non è uguale per tutti, almeno la Ingiustizia, sia spalmata su tutti e non su lavoratori onesti che accampano un loro diritto. Aspettiamo vostre cari amici. Se necessario ricorderemo questa vicenda quotidianamente…

***LIMATOLA. APPICCANO IL FUOCO SULLA PORTA DI UN SUPERMARKET***DANNI SUPERFICIALI ALLA STRUTTURA INTERVENGONO PRONTAMENTE I CARABINIERI

Un gesto che apparentemente è inspiegabile, ovvero c'è il timore concreto che possa essere un tentativo di estorsione?
Danneggiamento, la scorsa notte, ai danni di un supermarket di Limatola. Ignoti, infatti, hanno tentato di appiccare il fuoco ad una porta di emergenza, posta sul retro della struttura: fortunatamente, le fiamme hanno provocato l'annerimento della stessa porta e di parte del muro. Sul posto, sono intervenuti i Carabinieri della Stazione di Dugenta e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Montesarchio nonché i Vigili del Fuoco di Telese Terme. L'immediato intervento dei militari e dei colleghi del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Benevento, per i rilievi tecnici, ha consentito il rinvenimento ed il sequestro di due lattine in plastica contenenti residui di liquido infiammabile.

CAIAZZO. E' TUTTO PRONTO PER IL "CARNEVALE IN CARRIOLA". ASSOCIAZIONE PRO LOCO E IMPRENDITORIA LOCALE ACCOLGONO I TURISTI IN UNA TRE GIORNI DI DIVERTIMENTI

Ovviamente non può e non deve mancare il percorso enogastronomico che solo nell'agro caiatino sanno organizzare in maniera eccellente...
Il “Carnevale in Carriola” sta arrivando!!! Manca poco infatti all’evento organizzato dall’associazione Pro loco Caiazzo, in collaborazione con il coordinamento Aurora e i ristoranti La Taverna degli Amici e Le volte di Annibale e Bacco. In questi giorni si lavora allegramente alla preparazione del materiale, infatti dal 25 Gennaio, Ivana Marcuccio, insieme ai volontari del servizio civile della Pro loco, coordina i laboratori per la realizzazione delle carriole e dei costumi, tutte le sere, dalle ore 18.30 alle ore 20.00 presso il Centro Madre Claudia. Tre sono i concorsi a cui si può partecipare: Il dolce tipico di Carnevale, La carriola più originale, La maschera più bella. Il termine d’iscrizione per il secondo concorso è il 6 febbraio alle ore 12.00, mentre i dolci potranno essere consegnati dalle 14:00 alle 15:00 di Domenica 7, presso il ristorante La Taverna Degli Amici. Per quanto riguarda il terzo concorso, si intendono iscritti tutti i bambini che parteciperanno alla sfilata. La giuria del concorso Il dolce tipico di Carnevale è composta dai rappresentanti dell’Associazione “cuochi e ristoratori di terra di lavoro” e “Pasticceria Sparono” e dal Sindaco Sgueglia. La giuria per La carriola più originale e quella per La maschera più bella sarà costituita da rappresentanti del Consorzio Turistico delle Pro Loco del Medio Volturno. I premi per i tre concorsi sono rispettivamente: un cappello da pasticciere; un trofeo a forma di carriola; un gioco da tavolo/puzzle. Domenica 7 febbraio alle ore 14.00, dal Foro Boario, partirà la sfilata delle carriole e delle mascherine che sosteranno al ristorante La Taverna degli Amici per la degustazione dei prodotti tipici del Carnevale e per lo svolgimento del concorso I dolci tipici di Carnevale. La sfilata terminerà alle ore 18.00 a Palazzo Mazziotti con uno spettacolo musicale. Martedì 9 febbraio, la sfilata partirà sempre dal Foro Boario alle ore 14.00, si fermerà al ristorante Le volte di Annibale e Bacco per una degustazione di prodotto tipici del carnevale e alle ore 18.00 sosterà a Palazzo Mazziotti per la premiazione dei Concorsi. Al termine della cerimonia delle premiazioni si procederà con il funerale di Re Carnevale con chiusura in piazza Santo Stefano Menecillo per bruciare il cadavere del suddetto Re. Intervenite numerosi e per maggiori informazioni contattate l’associazione Pro loco al numero di telefono 0823.862761, o via mail a caiazzoproloco@libero.it, dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 19.00 e il sabato e la domenica dalle ore 9.00 alle ore 13.00.

PIEDIMONTE MATESE. DOMANI UN DOPPIO APPUNTAMENTO DI RILIEVO. ARRIVA LA RAI IN CITTÀ E SI INAUGURA IL CENTRO PER DISABILI E ANZIANI

Partecipano al "Tg itinerante" di Raitre anche gli studenti delle Superiori. Un appuntamento che tutti avranno la possibilità di vedere, se non dal vivo, in diretta su Rai 3 nel corso dell’edizione del Tg Regionale delle 14.00...
Una giornata importante quella di domani per la città di Piedimonte Matese, che si sta preparando per due appuntamenti molto attesi. Sarà domani infatti che il Tg Itinerante del TgR Campania si collegherà in diretta dal capoluogo matesino, nuova tappa nel viaggio della trasmissione tra i comuni campani che questa volta racconterà di Piedimonte e della sua bellezza dalle varie sfaccettature, immersa in un contesto naturalistico suggestivo e un universo storico-artistico di grande spessore. Una realtà di cui si parlerà non solo con il servizio di approfondimento sulla città, ma anche con la diretta da piazza De Benedictis, dove Pasquale Piscitelli, accolto dal sindaco Vincenzo Cappello, illustrerà le eccellenze locali dando al capoluogo matesino la possibilità di mettere in risalto le ricchezze e il bello che la caratterizzano. Parteciperanno anche gli studenti dell’Istituto Alberghiero, con le loro specialità gastronomiche, e quelli dell’Agrario, che esporranno l’olio e il vino da loro stessi prodotti.Un appuntamento che tutti avranno la possibilità di vedere, se non dal vivo, in diretta su Rai 3 nel corso dell’edizione del Tg Regionale delle 14.00. Nel pomeriggio invece, taglio del nastro sui nuovi centri comunali dedicati ai disabili e agli anziani della città. L’inaugurazione prevista alle ore 18:00 in via Don Bosco, sarà occasione per il Comune di Piedimonte di consegnare alla sua comunità questi nuovi punti di riferimento, in particolar modo per il mondo del sociale, che prendono vita nei locali ristrutturati del complesso ex Salesiano, oggi di proprietà comunale e pronto ad ospitare tante nuove attività. I fondi assegnati dal Gal Alto Casertano nell’ambito del bando di attuazione della Misura 321 “Servizi essenziali alle persone che vivono nei territori rurali” del PSR Campania 2007/2013, hanno difatti consentito al Comune di ideare un progetto dal grande valore sociale che andrà a dotare la città di due istituzioni finora non presenti, e allo stesso tempo ripristinare in pieno quel ruolo sociale che i Salesiano hanno sempre avuto per la comunità piedimontese.

FORMICOLA. TUTTO IL PAESE SENZA ACQUA DA DUE GIORNI E SENZA ALCUN PREAVVISO PER LA POPOLAZIONE

Nessun avviso sia sulle cause sia sui tempi di previsione della soluzione della carenza idrica per i cittadini ed i commercianti che, come al solito, patiscono i maggiori disservizi della cattiva gestione della problematica da parte degli enti preposti...
Un intero paese senza acqua da due giorni, un'emergenza che sta attanagliando tanto il centro cittadino quanto le frazioni del capoluogo del Monte Maggiore. Il tutto senza alcun avviso sia sulle cause sia sui tempi di previsione della soluzione della carenza idrica per i cittadini ed i commercianti che, come al solito, patiscono i maggiori disservizi della cattiva gestione della problematica da parte degli enti preposti, a cominciare dalla società regionale Acqua Campania e fino all'ex consorzio idrico "Terra di Lavoro", risultati assenti alla riunione in Prefettura della scorsa settimana convocata appositamente sul mancato approvvigionamento del prezioso liquido nell'intero comprensorio del Monte Maggiore. Secondo la minoranza, però, ci sono specifiche responsabilità anche dell'amministrazione comunale del sindaco Michele Scirocco che non avrebbe agito a tutela della popolazione locale e delle sue legittime esigenze. "Si credeva che il problema dell’approvvigionamento idrico riguardasse solo gli altri comuni del mandamento, tipo Liberi e Castel di Sasso, e che Formicola ne fosse esente. - esordisce il leader di Insieme per Formicola Franco Zibella - Tanto che ad una recente riunione convocata in prefettura sullo specifico problema della carenza idrica, non c’era alcun rappresentante del comune di Formicola. Invece in questi giorni si è capito che non è così. Infatti, da 2 giorni i cittadini formicolani sono letteralmente inviperiti per la mancanza del prezioso liquido. Le attività commerciali sono quelle che ne risentono maggiormente. Tanto per fare un esempio, un bar non può preparare il caffè senza acqua. Purtroppo il problema non è limitato solo a Formicola centro ma interessa anche le varie frazioni". Se poi a cui si aggiunge la assenza di comunicazione rivolta alla cittadinanza, allora il danno è doppio perché “quello che fa maggiormente rabbia è la completa assenza di avvisi pubblici. Eppure, in un paese normale, sarebbe buona prassi informare i cittadini su ciò che sta accadendo e soprattutto sui rimedi ed i tempi di attesa per il ritorno alla normalità . Quando ero amministratore e avveniva qualche guasto, la prima cosa a cui pensavo era avvisare la popolazione ”, conclude l'ex candidato sindaco Zibella.

***TEANO PERSEGUITANO LA COGNATA DI 57 ANNI*** DIVIETO DI AVVICINARE LA DONNA PER UN 60ENNE SIDICINO E LA MOGLIE 56ENNE

La vittima è stata costretta a recarsi dai Carabinieri per denunciare atti persecutori e lesioni personali nei suoi confronti...
Durante la mattinata odierna i Carabinieri del Comando Stazione di Teano hanno dato esecuzione alla misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Ce), nei confronti di un 60enne del posto per atti persecutori e lesioni personali in concorso con la moglie 56enne a cui i militari dell’Arma hanno notificato una misura cautelare del divieto di avvicinarsi alla persona offesa. I provvedimenti sono scaturiti a conclusione di un’attività d’indagine svolta proprio dai carabinieri di Teano a seguito della denuncia sporta dalla vittima, una 57enne di Teano, rispettivamente, sorella e cognata dei due soggetti.

***ALVIGNANO. RESISTENZA A INCARICATO DI PUBBLICO SERVIZIO, VIOLENZA E LESIONI***QUESTE LE ACCUSE DELLA PROCURA DELLA REPUBBLICA A CARICO DI GAETANO COLELLA IL 26ENNE MATESINO ARRESTATO OGGI

Sono stati i militari della Stazione di Alvignano, retta dal Luogotenente Nicola Marsilio ad eseguire l'ordine di custodia cautelare ai domiciliari per il Colella...
I Carabinieri del Comando Stazione di Alvignano (ce), hanno dato esecuzione alla misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal Tribunale Ordinario di Santa Maria Capua Vetere, nei confronti di COLELLA Gaetano, cl. 90 di Piedimonte Matese per i reati di lesioni, violenza e resistenza ad incaricato di pubblico servizio. La misura è scaturita a seguito delle attività d’indagine svolte dagli stessi carabinieri di Alvignano in ordine all’aggressione avvenuta il 22 luglio 2015 in danno del capotreno, 47enne di Ercolano (Na) in servizio sulla tratta alifana Napoli-Piedimonte Matese. In quella circostanza, il COLELLA, sorpreso dal capotreno senza biglietto, alla richiesta di quest’ultimo di regolarizzare la posizione di viaggiatore pagante, lo aggredì prima verbalmente e poi fisicamente, accoltellandolo alle gambe.